Meno display, più content: l’adv (timidamente) verso il social banner?

9 marzo 2011 // // Advertising 2.0 | 6 Commenti »

social banner nissan leaf advertising 2.0

Oggi mi sono imbattuto in un display MPU (il “glorioso” 300×250) che ha attirato la mia attenzione (e già questo è un successo, no?): è il banner di una campagna Nissan (lo vedete qui su) e se lo osservate bene capite perchè:

  • Ha dentro dei contenuti (video in questo caso, legati alla press conference per il lancio della Nissan Leaf)
  • E’ dinamico e integrato con i Social (uno stream di Twitter basato sull’hashtag #nissanleaf e bottoni per la condivisione su Facebook & Co.)
  • Ha una vero e propria navigazione interna (un minisito dentro un banner?)
  • E’ in 7 lingue diverse

Interattivo, sociale e con diversi contenuti. Insomma, più un widget che un banner.

Dove sta l’inghippo? Da quanto ho visto, la lentezza di caricamento farà venire un po’ di mal di pancia a chi dovrà giustificare la scelta di questo formato.

Sicuramente siamo ancora lontani da certe teorie eretiche, però forse qualcosa sta cambiando…o è solo un evoluzione dei formati rich media? Voi che ne dite?

Ti potrebbero interessare:

L'advertising online cresce, viva l'advertising
Investimenti in Social Media Marketing: le previsioni
Beni di consumo e Social Media Marketing: chi spende di più?

Argomenti trattati

, , ,

Commenti:

  1. 1 Danilo Pontone said at 11:05 on marzo 14th, 2011:

    Ciao Claudio!
    Al di la della lentezza, che credo potrebbe essere arginata con alcune ottimizzazioni, sai che questa cosa non è affatto male? Molti dicono che i banner sono morti (io sono tra questi), però forse un banner in chiave social potrebbe far rinascere questa forma pubblicitaria. :)

  2. 2 Io sto con il banner | YDL said at 10:03 on marzo 15th, 2011:

    [...] interessante anche l’esempio segnalato pochi giorni fa dal sempre ottimo Socialware, relativo ad un 300×250 realizzato da Nissan. In questo caso si tratta di una rilettura in [...]

  3. 3 webcopywriter said at 10:11 on marzo 22nd, 2011:

    Un banner travestito da social media rimane sempre un banner: interrompe, disturba, comunica in maniera indifferenziata. E poi ci mettono la CONFERENZA STAMPA?

  4. 4 Doctor Brand said at 3:20 on aprile 28th, 2011:

    100% interruption classico! :)

  5. 5 Diego said at 5:20 on giugno 7th, 2011:

    project devil ? Ci sono vicini secondo me.

    http://advertising.aol.com/creative/projectdevil

  6. 6 Marketingpower said at 9:36 on giugno 17th, 2013:

    Ciao,

    sono dell’idea che non si debba essere così critici con i banner , se usati bene in termini di posizionamento dimensioni colori ecc possono essere uno strumento efficace da sfruttare soprattutto nell’ambito dei social media.


Lascia un commento