Meno display, più content: l’adv (timidamente) verso il social banner?

9 marzo 2011 // // Advertising 2.0 | 7 Commenti »

social banner nissan leaf advertising 2.0

Oggi mi sono imbattuto in un display MPU (il “glorioso” 300×250) che ha attirato la mia attenzione (e già questo è un successo, no?): è il banner di una campagna Nissan (lo vedete qui su) e se lo osservate bene capite perchè:

  • Ha dentro dei contenuti (video in questo caso, legati alla press conference per il lancio della Nissan Leaf)
  • E’ dinamico e integrato con i Social (uno stream di Twitter basato sull’hashtag #nissanleaf e bottoni per la condivisione su Facebook & Co.)
  • Ha una vero e propria navigazione interna (un minisito dentro un banner?)
  • E’ in 7 lingue diverse

Interattivo, sociale e con diversi contenuti. Insomma, più un widget che un banner.

Dove sta l’inghippo? Da quanto ho visto, la lentezza di caricamento farà venire un po’ di mal di pancia a chi dovrà giustificare la scelta di questo formato.

Sicuramente siamo ancora lontani da certe teorie eretiche, però forse qualcosa sta cambiando…o è solo un evoluzione dei formati rich media? Voi che ne dite?

Ti potrebbero interessare:

Monetizzare i Social Network: MySpace e i dubbi sull'advertising
L'advertising online cresce, viva l'advertising
Beni di consumo e Social Media Marketing: chi spende di più?

Argomenti trattati

, , ,

Commenti:

  1. 1 Danilo Pontone said at 11:05 on marzo 14th, 2011:

    Ciao Claudio!
    Al di la della lentezza, che credo potrebbe essere arginata con alcune ottimizzazioni, sai che questa cosa non è affatto male? Molti dicono che i banner sono morti (io sono tra questi), però forse un banner in chiave social potrebbe far rinascere questa forma pubblicitaria. :)

  2. 2 Io sto con il banner | YDL said at 10:03 on marzo 15th, 2011:

    [...] interessante anche l’esempio segnalato pochi giorni fa dal sempre ottimo Socialware, relativo ad un 300×250 realizzato da Nissan. In questo caso si tratta di una rilettura in [...]

  3. 3 webcopywriter said at 10:11 on marzo 22nd, 2011:

    Un banner travestito da social media rimane sempre un banner: interrompe, disturba, comunica in maniera indifferenziata. E poi ci mettono la CONFERENZA STAMPA?

  4. 4 Doctor Brand said at 3:20 on aprile 28th, 2011:

    100% interruption classico! :)

  5. 5 Diego said at 5:20 on giugno 7th, 2011:

    project devil ? Ci sono vicini secondo me.

    http://advertising.aol.com/creative/projectdevil

  6. 6 Marketingpower said at 9:36 on giugno 17th, 2013:

    Ciao,

    sono dell’idea che non si debba essere così critici con i banner , se usati bene in termini di posizionamento dimensioni colori ecc possono essere uno strumento efficace da sfruttare soprattutto nell’ambito dei social media.

  7. 7 gym wallis fashion uk said at 11:43 on luglio 26th, 2014:

    She said that just that day, a teacher had asked her sixth-grade daughter to
    pull her pants out of her boots and over the top so the teacher
    could tell they weren’t leggings. Womens yoga pants should be convenient
    so as to be able to create free-flowing campaign.
    To avoid any unwanted happenings during their yoga class.

    Here is my web-site – gym wallis fashion uk


Lascia un commento