Marketing 2.0: visione, strategia, strumenti

25 novembre 2008 // // Advertising 2.0, Aziende 2.0, Marketing 2.0, Social Media | 16 Commenti »

Partecipare al Rimini Web Marketing Event svoltosi il 22 e 23 Novembre scorsi e organizzato da Titanka! è stata un’esperienza entusiasmante.
300 partecipanti, tanti relatori di alto livello, organizzazione perfetta. Ecco le slide della mia presentazione che verteva sulle tematiche a noi più care: il e l’approccio conversazionale. Troverete una parte più divulgativa sui cambiamenti del mercato e dei clienti (valore delle nicchie e del ) e una più tecnica sui modelli strategici per incrementare Brand Awareness, Brand Loyalty e Brand Reputation con gli strumenti più opportuni (, Corporate Blogging, Buzz & , ). La discussione è ovviamente aperta.

Ringrazio di cuore Fabio Sutto per avermi coinvolto e tutti i colleghi che ho avuto il piacere di conoscere e con cui ho condiviso momenti interessanti e anche divertenti: Salvatore Cariello, Alessandro Binello, Luca Dalla Villa, Alessandro Cappellotto, Adriano Gasparri, l’amica di Crazy Marketing Anna Torcoletti…e tutti gli altri.

Ti potrebbero interessare:

Nasce Crazy-Marketing.it: il blog network non convenzionale
Guerrilla Marketing per tutti?
Buon compleanno Socialware

Argomenti trattati

, , , , , , , , , , ,

Commenti:

  1. 1 nicoletta said at 4:59 on novembre 25th, 2008:

    Ciao,
    purtroppo non ero a Rimini (ero Al Romecamp!) ed ho appena letto il tuo post e la presentazione.
    Aggiungerei un paio di punti che, secondo me, completano la visione delle azioni del mktg 2.0: 1) ‘start small, think big’, ovvero è importante avere obiettivi chiari, da raggiungere con passi successivi, magari inizialmente piccoli. blog, buzz, wom… non possono essere MAI lasciati a loro stessi … quindi meglio la politica dei ‘piccoli’ passi
    2) il monitoraggio delle azioni: ovvero ascoltare, ascoltare per cambiare, ascoltare per migliorare.
    Ciao

  2. 2 Claudio Vaccaro said at 5:54 on novembre 25th, 2008:

    Vero Nicoletta. Troppo spesso aziende iper entusiaste ma superficialmente attratte dal potenziale di questi nuovi strumenti pensano di poter gestire tutto con poco dispendio di soldi e tempo. Non è così.
    Monitoring e Pianificazione a step oltre ad essere parte di una strategia, devono essere anche voci di budget di una campagna di Marketing 2.0. Grazie del passaggio!

  3. 3 vitzbank said at 6:05 on novembre 25th, 2008:

    Interessante, chiaro e piacevole…e che vuoi di più da un post?! :-)

  4. 4 annatorc said at 7:21 on novembre 25th, 2008:

    Concordo una bella occasione per discutere argomenti ed incontarsi… a volte con punti di vista lontani a volte più simili ma il bello è proprio il confronto e la condivisione di esperienze.

    Alla prossima
    Anna

  5. 5 Claudio Vaccaro said at 8:05 on novembre 25th, 2008:

    grazie vitzbank e grazie anna…

  6. 6 Nicolò Corrà said at 9:51 on novembre 26th, 2008:

    Interessantissimo post (e relativa presentazione). Concordo soprattutto sul fatto che non si possono lasciare “sole” le attività di Internet Marketing ma bisogna inserirle in un’ottica più “media neutral” in cui si possono inserire altre forme di promozione e comunicazione del marchio e dei suoi valori.

    Ad un mio possibile primo cliente, ad esempio, sto proponendo sì attività di Internet Marketing ma abbinandoci anche eventi e promozioni da attuare off-line. Non dimentichiamoci che il primo fine di chi usa un social network è proprio quello di poi incontrarsi (o rivedersi) dal vivo e questo me l’avete insegnato proprio voi.

    In conclusione il mio pensiero è che, all’oggi, c’è assoluto bisogno di integrare attività on ed off line.

  7. 7 il web marketing spiegato da chi lo fa | e-xtrategy said at 4:33 on novembre 27th, 2008:

    [...] sinceri complimenti vanno a tutti i relatori che ci hanno lasciato tanti spunti su cui riflettere (e lavorare). nell’attesa di vedere online tutte le presentazioni dell’evento, ecco quelle di claudio vaccaro per il suo speech sul social media marketing. [...]

  8. 8 Claudio Vaccaro said at 11:02 on novembre 28th, 2008:

    Nic, infatti. Tra le varie presentazioni ce n’era una molto interessante (non ricordo di chi) che metteva in guardia dal vedere l’”utente” web come un corpuscolo separato dalla realtà e immerso nel mondo digitale: l’offline invece è il “cibo” per l’online, la benzina delle discussioni e delle conversazioni ad esempio. Tu fai un evento offline e se ne parla online (foto, post, discussioni, video). Quindi una strategia integrata è il modo migliore per dialogare con i propri clienti. Ciao!

  9. 9 Alessandro Cappellotto said at 7:10 on novembre 28th, 2008:

    Verissimo. Io ad esempio vengo dal mondo off-line classico, quello delle agenzie di pubblicità dove ho lavorato come copywriter assumendo poi anche un ruolo di direzione creativa in diversi progetti di comunicazione integrata. E sono convintissimo di come quello che si faccia off-line sia essenziale per l’on-line. Banalmente, si pensi alle fotografie. Scattare delle belle foto per una brochure di presentazione vuol dire avere materiale attraente da proporre nel sito. Possiamo fare la migliore campagna di AdWords del mondo ma se poi il nostro sito non è convincente a livello verbale e anche visivo perdiamo potenziale. Nello stesso tempo, pensare – come fanno molte agenzie tradizionali – che l’on-line sia una pura emanazione dell’off-line vuol dire non conoscere le specificità della rete e delle sue infinite risorse. Purtroppo spesso è così e posso confermare che, almeno nella mia esperienza, i due mondi (on-line e off-line) fanno fatica a dialogare e spesso non si conoscono, non si frequentano a sufficienza. In futuro però sarà sempre più difficile distinguerli.

  10. 10 Claudio Vaccaro said at 9:43 on novembre 28th, 2008:

    Non avrei saputo dirlo meglio Alessandro :) …anche perchè, a breve, assisteremo all’ibridazione delle “cose” con l’online (oggetti sempre connessi, tagging del mondo reale, ecc…) e lì ne vedremo delle belle :)
    A presto!

  11. 11 Jose said at 12:02 on dicembre 17th, 2008:

    Ho appena scritto un post sull’argomento, se volete passare e lasciare le vostre impressioni mi fa piacere.

    Inutile dire che concordo con la visione generale.

  12. 12 Social Media Marketing, Marketing 2.0, potere di engagement: conoscere per non sbagliare su Socialware said at 11:07 on luglio 6th, 2009:

    [...] nelle quali ho ritrovato questa mia slide che a quanto pare ha convinto e che avevo inserito nella mia presentazione per il convegno Rimini Web Marketing Event, per spiegarne meglio il razionale. In questa slide [...]

  13. 13 Rimini Web Marketing Event 2009 con Avinash Kaushik su Socialware said at 12:05 on novembre 18th, 2009:

    [...] il successo dell’anno scorso, torna il Rimini Web Marketing Event, organizzato sempre da Titanka! e [...]

  14. 14 Social Media Marketing per il turismo 2.0: le slide del RWME 09 su Socialware said at 10:37 on novembre 24th, 2009:

    [...] Marketing Event sono stati un’esperienza davvero entusiasmante, quest’anno come l’anno scorso: confrontarsi direttamente con esperti di Web Marketing in tutte le sue forme e scoprire che sono [...]

  15. 15 Da Social Media Marketing a Social Media Ecosystem: l’ambiente evolutivo di un Brand 2.0 su Socialware said at 3:14 on dicembre 15th, 2009:

    [...] oggi il rapporto tra aziende e persone  mediato dai Social Media: ci avevo provato già qui e qui ma il risultato ancora non mi pareva completo. La definizione e il nome stesso di Social Media [...]

  16. 16 lose weight fast said at 6:59 on agosto 21st, 2014:

    It is also supposed to encourage your hypothalamus to “reset” your
    system’s metabolic process making it easier for you to digest and process the
    foods that you eat. So possessing a spouse together
    with you on the diet will maintain accountability to
    oneself, to associate as effectively. Could the HCG shot be the secret to losing
    weight and keeping it off.

    My web page: lose weight fast


Lascia un commento

  • Current ye@r *