Aprire le Community: interoperabilità e portabilità dei profili

13 giugno 2008 // // Social Networks | 3 Commenti »

social network profili potabilità

Uno dei limiti “endemici” dei Social Network è sempre stato quello di essere dei mondi chiusi che non parlano con l’esterno, esportando solo alcuni dei dati generati sottoforma di RSS o Widgets, consentondo di fare queries personalizzate dall’esterno grazie ad API dedicate, ma non permettendo l’esportazione/integrazione dei dati relativi alla profilazione dei propri utenti. Un paradosso per siti che si definiscono “2.0″. Vale a dire: UGC e condivisione, ma i dati dell’utente restano roba mia. Due esempi su tutti, almeno fino all’altro ieri: e . Ovvero, i più grandi.

E’ chiaro però che l’aria sta cambiando. Sospinti come al solito da Google, che con il lancio del set di API Open Social e la sua prima concreta applicazione Friend Connect sta da un lato creando uno standard per l’esportazione/condivisione di dati di profilazione, dall’altro impone a tutti i players di “aprirsi”.

Il primo big a invertire la rotta verso l’apertura totale è proprio MySpace, che Lunedì 16 Giugno presenterà MySpace Developer Platform, la sua nuova piattaforma che mediante API consentirà agli sviluppatori di creare applicazioni dedicate e integrare dati relativi ai degli utenti. A quanto pare quindi MySpace seguirà le orme di Facebook sul tema dell’, ma aggiungendo qualcosa in più: l’esportazione della profilazione.

Ma quali sono i vantaggi di una tale apertura verso l’esterno, per un Social Network?

  • Lato utente: consentirgli di avere prodotti più customizzati che si diffondono in maniera virale e soprattutto semplificargli la gestione delle sue numerose identità online. Il che significa più utenti.
  • Lato : vendere direttamente cluster di utenza profilata agli investitori pubblicitari, con enorme beneficio in termini di CTR

Naturalmente la portabilità dei profili ha anche i suoi rischi. Per citare Roberto Venturini su Apogeo:

Si apre qui il tema della portabilità del profilo, un’iniziativa che tende a renderci possibile lo sviluppo di un profilo unico, che sia poi inseribile con un paio di clic in ogni e qualsiasi sito di Social Network (e non solo). Su questo fronte si stanno già moltiplicando le iniziative, a partire proprio da MySpace. Va detto chiaramente che la portability è però una brutta bestia, prestandosi a generare innominabili disastri se usato inavvertitamente: pensate se sbagliamo e condividiamo il profilo pensato per AdultFriendFinder su Linkedin, Viadeo o Neurona (e, peggio ancora, se facciamo il contrario).

La new wave continuerà? Come verranno risolti i rischi potenziali di questa apertura?

Ti potrebbero interessare:

Targettizzare i Social Media: uno studio sul profili degli utenti
Threadsy, mail e messaggi social insieme: inizia la sfida per la Inbox 2.0
Social Network per bambini? Ecco MyPage, il web 2.0 sicuro

Argomenti trattati

, , , , , , , , ,

Commenti:

  1. 1 Giog said at 10:26 on giugno 13th, 2008:

    http://usergeneratedmarketing.blogspot.com/2008/06/lutente-generalista-lidentit.html

  2. 2 Social Network: e se l’advertising non fosse il giusto business model? su Socialware said at 3:20 on giugno 20th, 2008:

    [...] l’interfaccia utente per renderla più appetibile e focused sull’advertising, oltre ad aprire all’esterno la profilazione degli utenti per consentire di fare campagne più [...]

  3. 3 hcg weight loss orange park fl said at 10:36 on luglio 23rd, 2014:

    In this case, the process of weight loss functions utilizing
    a small and diluted quantity of the hormone for weight loss.
    They are an industry leader in effective HCG weight loss solutions and HCG support relating to the HCG Diet.
    It is in reality the perspective of the people which will decides irrespective of whether a weight loss program will work or otherwise.

    Feel free to visit my homepage :: hcg weight loss orange park fl


Lascia un commento