Aprire le Community: interoperabilità e portabilità dei profili

13 giugno 2008 // // Social Networks | 2 Commenti »

social network profili potabilità

Uno dei limiti “endemici” dei Social Network è sempre stato quello di essere dei mondi chiusi che non parlano con l’esterno, esportando solo alcuni dei dati generati sottoforma di RSS o Widgets, consentondo di fare queries personalizzate dall’esterno grazie ad API dedicate, ma non permettendo l’esportazione/integrazione dei dati relativi alla profilazione dei propri utenti. Un paradosso per siti che si definiscono “2.0″. Vale a dire: UGC e condivisione, ma i dati dell’utente restano roba mia. Due esempi su tutti, almeno fino all’altro ieri: e Facebook. Ovvero, i più grandi.

E’ chiaro però che l’aria sta cambiando. Sospinti come al solito da Google, che con il lancio del set di API Open Social e la sua prima concreta applicazione Friend Connect sta da un lato creando uno standard per l’esportazione/condivisione di dati di profilazione, dall’altro impone a tutti i players di “aprirsi”.

Il primo big a invertire la rotta verso l’apertura totale è proprio MySpace, che Lunedì 16 Giugno presenterà MySpace Developer Platform, la sua nuova piattaforma che mediante API consentirà agli sviluppatori di creare applicazioni dedicate e integrare dati relativi ai degli utenti. A quanto pare quindi MySpace seguirà le orme di Facebook sul tema dell’, ma aggiungendo qualcosa in più: l’esportazione della profilazione.

Ma quali sono i vantaggi di una tale apertura verso l’esterno, per un ?

  • Lato utente: consentirgli di avere prodotti più customizzati che si diffondono in maniera virale e soprattutto semplificargli la gestione delle sue numerose identità online. Il che significa più utenti.
  • Lato : vendere direttamente cluster di utenza profilata agli investitori pubblicitari, con enorme beneficio in termini di CTR

Naturalmente la portabilità dei profili ha anche i suoi rischi. Per citare Roberto Venturini su Apogeo:

Si apre qui il tema della portabilità del profilo, un’iniziativa che tende a renderci possibile lo sviluppo di un profilo unico, che sia poi inseribile con un paio di clic in ogni e qualsiasi sito di Social Network (e non solo). Su questo fronte si stanno già moltiplicando le iniziative, a partire proprio da MySpace. Va detto chiaramente che la portability è però una brutta bestia, prestandosi a generare innominabili disastri se usato inavvertitamente: pensate se sbagliamo e condividiamo il profilo pensato per AdultFriendFinder su Linkedin, Viadeo o Neurona (e, peggio ancora, se facciamo il contrario).

La new wave continuerà? Come verranno risolti i rischi potenziali di questa apertura?

Ti potrebbero interessare:

Social attention
Investimenti in Social Media Marketing: le previsioni
Facebook e Google: 2010, l'anno della marcia indietro?

Argomenti trattati

, , , , , , , , ,

Commenti:

  1. 1 Giog said at 10:26 on giugno 13th, 2008:

    http://usergeneratedmarketing.blogspot.com/2008/06/lutente-generalista-lidentit.html

  2. 2 Social Network: e se l’advertising non fosse il giusto business model? su Socialware said at 3:20 on giugno 20th, 2008:

    [...] l’interfaccia utente per renderla più appetibile e focused sull’advertising, oltre ad aprire all’esterno la profilazione degli utenti per consentire di fare campagne più [...]


Lascia un commento